CHI SONO GLI STARSEED?

CHI SONO GLI STARSEED (SEMI STELLARI)

Sono una categoria di esseri umani la cui anima non proviene da questo pianeta ma si è incarnata volutamente qui per portare a termine uno scopo ben preciso per cui si pensa che gli starseed provengano da un’altra dimensione o da un altro pianeta.

Fin dall’antichità c’erano delle culture spiritualmente avanzate che sostenevano di provenire dalle stelle, in particolare dalle Pleiadi o da Lemuria, i nativi americani sostenevano che la loro stirpe provenisse proprio dalle Pleiadi.

Poi abbiamo anche il caso degli sciamani hawaiani dei Kauna che sostenevano di provenire dalle stelle.

Perchè un’anima che viene dalle Pleiadi ha deciso di incarnarsi in questo pianeta?

Lo ha fatto per riuscire ad aiutare il genere umano ad evolversi e si pensa che in questo ultimo periodo siano tantissimi gli starseed che si sono incarnati per fare un’accellerata all’ evoluzione del genere umano.

Questo perché sempre più si nota il divario fra le persone che hanno una visione più spirituale, più profonda, più animista della realtà che possiamo identificare con gli starseed e un’ altra categoria di persone che invece sono molto ancorate alla loro razionalità e che prendono in esame solo ciò che è tangibile, visibile e controllabile.

Questi due tipi di persone sembra non riuscire a comunicare tra loro perché parlano un linguaggio diverso perché hanno una visione della realtà completamente diverso: la cosiddetta “speciazione” come dice Igor Sibaldi in cui una parte dell’umanità si è evoluta rispetto alla restante creandosi sempre più un divario.

COME SI FA A CAPIRE SE SEI UNO STARSEED?

Ci sono dei sintomi importanti che ci possono indicare che non proveniamo da questo pianeta ma siamo anime “aliene”.

Primo: non riconoscersi nella civiltà in cui viviamo, di sentirci come degli alieni proprio perché abbiamo delle visioni e delle priorità molto diverse rispetto alla massa e questo avviene fin dai primissimi anni di età con difficoltà a volte ad interagire coi coetanei a scuola, rimanendo spesso isalati dal gruppo.

Secondo: gli starseed hanno un intuito più perspicace rispetto alla massa, quelli che ti guardano negli occhi e capiscono già cosa hai dentro, cosa provi, a volte riescono a leggere nella mente e leggono i tuoi pensieri e queste sono delle doti psichiche non prettamente umane ma appartenenti agli starseed perché sono delle anime molto più evolute e più sensibili permettendo loro di leggere l’energia dell’altro.

Non è facile essere incarnati in questo pianeta se si proviene da una dimensione più evoluta perché ci si sente emarginati e come fuori dal mondo attuale.

Questi starseed incarnati hanno il compito di dare un’accellerata al genere umano per cercare di aiutare l’umanità a fare un salto evolutivo, a imparare a vedere il mondo non solo dall’aspetto superficiale e materiale, ma osservare e credere ad un altro aspetto più spirituale e più animico e profondo.

Questa naturalmente è una missione molto difficile perché gli starseed sono in minoranza rispetto al genere umano.

Molti starseed non sono consapevoli di esserlo perché nel momento in cui l’anima si incarna perde la memoria della scelta animica che ha fatto.

L’anima starseed crescendo, prendendo consapevolezza delle proprie qualità psichiche riconosca la propria missione nel mondo e si metta al servizio per aiutare il prossimo, anche nel suo piccolo.

Non è una via facile quello dello starseed con una missione così importante.

Probabilmente fra di voi ci sono degli starseed che fin da piccoli si sono sentiti diversi, che hanno avuto sempre delle doti psichiche molto forti, un intuito molto acuto da intuire i sentimenti dell’altro, di riuscire a vedere oltre il visibile e magari oggi si ritrovano a non avere ancora ben chiaro in che direzione andare e quale sia la propria missione e il motivo in cui vi siete incarnati in questo mondo.

Insegnare al genere umano di vedere oltre il visibile, oltre la materia perchè questa è la chiave di tutto perché ogni problema per essere risolto non può essere affrontato solo sull’aspetto visibile e materiale, ma deve essere affrontato nell’aspetto invisibile, spirituale è quindi estremamente importante che il genere umano faccia questo salto e che impari dagli starseed una visione della vita molto più profonda e completa.

Senti di essere uno starseed?

Hai trovato la tua missione su questo pianeta terra?

https://www.milvaalpi.com/

LA MEDICINA DELL’ ANIMA

LA RABBIA NEI BAMBINI: COME GESTIRLA?

a cura di Milva Alpi

esperta ventennale di benessere corpo mente emozioni

psicosomatica e guarigioni emotive

La rabbia è una delle emozioni primarie.

E’ molto importante per un genitore o un’insegnante sapere come gestire uno scatto di rabbia in un bambino.

Nei bambini questa emozione è molto frequente come tirare calci, urlare, dire NO, tirare i capelli o dare schiaffi alla mamma: tutti gesti di aggressività.

Alla base di questo comportamenti c’è una “mancanza” nei confronti del bambino da parte del genitore: non lasciarlo libero di esprimersi o muoversi, essere invadente nei suoi spazi, dire spesso dei no, non considerare i suoi bisogni, imporre troppe regole.

Le situazioni che molto spesso innescano rabbia nei figli avvengono quando si impongono loro delle regole.

I bambini hanno bisogno di tempo e di “esercizio” per metabolizzarle e farle loro.

Ad esempio quando chiediamo loro di sedersi a tavola, di lavarsi, di andare a scuola, di vestirsi.

Lo stile educativo non dovrebbe essere né privo di regole né troppo autoritario: entrambe le impostazioni favoriscono l’aggressività.

La mancanza di regole complica la vita dei figli perchè si sentono persi, senza una guida; nel secondo caso, invece, i bimbi si sentono rifiutati.

Bisogna dare poche regole, chiare, semplici da comprendere e bisogna cercare di rispettarle con fermezza spiegandogli il perché di quel comportamento e

soprattutto essere coerenti (un NO lo è sempre e un SI anche).

La rabbia è un’emozione che va contenuta: i genitori dovrebbero imparare a gestire la loro emotività e non dovrebbero andare in ansia o arrabbiarsi (anche se non è molto semplice dopo una giornata molto stressante).

Il bambino allora si ribella e scarica l’emozione attraverso questi atteggiamenti.

Da una parte è un bene altrimenti rimane somatizzata nel corpo, ma quello che si può fare è insegnargli a scaricarla in modo non aggressivo nei confronti di qualcuno, ad esempio trasformarla in gioco facendogli battere i piedi a terra o dare pugni ad un cuscino urlando come ad imitare un leone.

Un’altra soluzione potrebbe essere quella di avvertirli poco prima che avvenga il “cambio di scena”.

Anticipare che da lì a poco ci si dovrà dedicare a una nuova attività.

“ Adesso finiamo questo libro, dopodichè andiamo a lavarci le mani e ci mettiamo a tavola”.

“Ora stiamo qualche minuto sul lettone e ci facciamo le coccole, ma tra poco ci spostiamo nella tua cameretta e ci rilassiamo perchè tra poco è ora di fare la nanna”. Sinceramente la maggior parte delle volte questa strategia funziona!

Gli adulti dovrebbero essere il più prevedibili ed empatici possibili con i bambini perchè il comando improvviso potrebbe non funzionare, ma soprattutto potrebbe innescare una reazione di rabbia difficilmente gestibile.

I bimbi, infatti, sono rassicurati dalle situazioni prevedibili.

Dall’altra parte, è risolutivo invece, andare all’origine del perché di questa rabbia.

Questo è compito del genitore di stare nella presenza, nell’empatia, mettersi nei panni del bambino e cercare di capire cosa è successo prima di questo scarico emotivo.

Diventarne consapevoli porta a trasformare la situazione o l’atteggiamento con cui ci si approccia al bambino in una determinata situazione come menzionato sopra.

Trasformare il comportamento genitoriale porta alla risoluzione emotiva anche nel bambino.

a cura di Milva Alpi

esperta di benessere e operatrice olistica

elaborazione lutti e traumi emotivi

guarigioni spirituali con gli Esseri di Luce

consulenze psicologiche e Fiori di Bach

https://www.milvaalpi.com/LA MEDICINA DELL’ANIMA

EMOZIONI E DISTURBI FISICI SECONDO LA MEDICINA CINESE.

Per avere una maggiore consapevolezza del perché dei disturbi fisici e delle emozioni che si somatizzano nel corpo, ve lo spiego secondo la Medicina Tradizionale Cinese della quale mi avvalgo.

Innanzi tutto voglio spiegare cosa sono le emozioni.

Esse sono il modo in cui esprimiamo una reazione ad uno stimolo esterno che può essere visivo, uditivo o corporeo di una situazione o di una persona con la quale si interagisce.

E’ un’energia che si crea attraverso il cervello che riceve lo stimolo (reazione) e che deve essere trasformata e scaricata, può essere elaborata in due modi:

1) si reagisce e c’è lo scarico emozionale es. rabbia = scatto o urlo

2) non si reagisce e non c’è scarico ma l’emozione e l’energia creata viene trattenuta all’interno del corpo fermandosi in un organo cui corrisponde quel tipo di emozione.

Mi spiego meglio.

Le emozioni negative principali sono 5:

rabbia, preoccupazione, tristezza, dolore, paura.

Ciascuna di queste, secondo la medicina tradizionale cinese, corrisponde a un apparato e a un organo del corpo.

Vediamo di analizzarne una per una.

LA RABBIA

E’ quell’aspetto emotivo dell’aggressività per la mancanza di rispetto e di amore;

mancanza di rispetto nel lavoro, nella relazione affettiva, nelle amicizie.

Nasce sempre da una mancanza di rispetto verso sé stessi, per non rispettarsi abbastanza nei propri bisogni, spazi o libertà di esprimersi.

La rabbia è nostra, parte sempre da noi che scarichiamo sugli altri, che non ne hanno colpa, la reazione che avviene quando siamo “pieni” di una determinata situazione.

Gli altri sono solo la nostra valvola di sfogo e ci fanno vedere cosa non sta andando bene in noi.

Permette di ribellarci quando qualcosa non ci va, ci fa dire BASTA!

NON MI VA PIU’ BENE! E’ QUELLA CHE TI FA BATTERE IL PUGNO SUL TAVOLO.

È una emozione che nasce da una frustrazione: tramite la rabbia noi ci ribelliamo, ci difendiamo e ci facciamo rispettare e questa è la reazione positiva di scarico.

Da non confondere con la violenza che nasce da molta molta rabbia e aggressività trattenuta.

La manifestazione della rabbia è coadiuvata da una mimica facciale particolare: aggrottiamo la fronte, le sopracciglia e serriamo i denti.

L’organismo assume una postura che gli permette di entrare in azione da un momento all’altro e si manifestano delle variazioni fisiologiche come aumento del battito cardiaco, aumento dell’afflusso del sangue nella periferia del corpo, maggiore tensione muscolare e iper sudorazione, irritabilità, calore che sale al cervello.

Tutto questo ci da come informazione che il corpo è pronto per difendersi dall’ostilità.

Un accumulo di tensione può causare sintomi fisici importanti oltre che malessere psicologico quindi riconoscere, esprimere e gestire la rabbia diventa fondamentale per il nostro benessere.

Ciò che possiamo sicuramente controllare è il modo in cui reagiamo a un evento.

Come imparare a riconoscere i sintomi della tua rabbia?

La prima cosa da fare è imparare a capire quando la rabbia sta per prendere il controllo di te stesso: ricorda che è fondamentale riprendere le redini del tuo controllo prima che arrivi, questa parte, a gestire te.

Tra i segnali più comuni troviamo: mancanza di controllo delle emozioni, sensazione di essere impaziente e di essere irritato dalle persone.

Saper riconoscere questi segnali permette di controllare la situazione quindi:

ascolta il tuo corpo e ascolta ciò che ti sta dicendo!

Corrisponde all’apparato muscolare e tendineo (dolori muscolari = rabbia trattenuta)

Quando stiamo male in una situazione, ci vorremmo ribellare ma non lo facciamo, tratteniamo nell’organismo questa energia che va ad accumularsi negli organi:

fegato e vescica biliare (cistifellea).

Esprimere la rabbia lo si fa attraverso il movimento (buttare a terra qualcosa, andarsene dalla situazione) o con l’urlo (alzare la voce),

ma questo è il modo negativo che va trasformato, diversamente rimane intrappolata negli organi suddetti con sintomi e malattie fisiche:

dolori muscolari e tendinei, calcoli al fegato o vescica biliare, cellulite, tutte le infiammazioni che finiscono in ITE (congiuntivite, cistite, polmonite ecc.),

grassi in circolo per ipofunzionalità della bile, cisti, miopia, crampi muscolari, dolori alle spalle, insonnia dalle 23 alle 3 di notte, piedi dolenti, epatite.

COME GESTIRLA?

Rilassati

Quando la rabbia sembra prendere il controllo di te è molto importante fermarsi e mettere all’opera le abilità di rilassamento come la meditazione o la respirazione profonda che permettono di sospendere il pensiero permettendo di recuperare la lucidità senza essere sopraffatto dalla reazione eccessiva favorendo l’eliminazione delle tossine emozionali dal corpo.

Ci si sentirà molto più calmi, centrati e lucidi per capire e affrontare con calma la situazione.

Pratica sport

Come possiamo sfogare la rabbia e svuotare la mente dopo esserci caricati negativamente? Lo sport potrebbe essere un’ottima soluzione, una corsa o una semplice camminata, infatti, producono endorfine e ti aiuteranno a ristabilire un equilibrio corporeo e mentale.

Occorre arrivare alla consapevolezza dell’origine di questa emozione che porta alla guarigione e alla trasformazione della rabbia stessa.

Si neutralizza con il RISPETTO E L’AMORE VERSO SE’ STESSI.

di Milva Alpi

esperta di benessere olistico e psicosomatica

guarigione traumi emotivi e lutti

guaritrice spirituale

Insegna meditazioni quantiche di guarigione.

Da oltre 30 anni aiuta le persone nella guarigione fisica, emotiva e spirituale.

channeling e consulenze individuali on line su appuntamento

tel. 335 5737090 info@milvaalpi.com

Iscriviti al mio gruppo privato su fb:

VERSO L’AMORE E LA LUCE 

https://www.facebook.com/groups/132846170809769

segui il mio canale yutube: https://www.youtube.com/results?search_query=milva+alpi

Libera professionista di cui alla L. n. 4/13

www.milvaalpi.com/la medicina dell’anima

LETTURA DEI REGISTRI AKASHICI

I Registri Akashici sono la storia della nostra anima e del nostro percorso evolutivo.

E’ uno spazio multidimensionale energetico di infinita saggezza che contiene tutte le potenzialità che l’Anima possiede per la sua evoluzione in questa vita e la sua vera ragione di essere, il senso dell’esistenza.

Il lavoro coi Registri Akashici è una DISCIPLINA SPIRITUALE che richiede serietà, rispetto e purezza di cuore da parte del canalizzatore che deve essere cosciente della sua “sacralità”.

In Egitto si conoscono come le “Tavole di Thoth”, nella Bibbia come “libro della vita”, nell’Islam come “Tavola Eterna” ed i Maya come la “Banca Psi”.

Li possiamo immaginare come una immensa biblioteca, un enorme hard disk, in cui è registrato e custodito tutto ciò che è emanato da una Fonte di Energia da tutto ciò che esiste nella Creazione

è la memoria dell’universo, di Dio stesso e della nostra Anima.

L’Akasha è una dimensione di altissima vibrazione dove regna l’Amore Incondizionato e vi risiedono Esseri e Maestri di Luce e Guide Spirituali.

Gli Arcangeli che vi risiedono sono l’Arcangelo Michele, L’Arcangelo Metathron e l’Arcangelo Melkizedek e a loro ci si rivolge per chiederne l’accesso.

Ciascuna pianta, oggetto, animale e persona ha il proprio registro akashico che contiene la registrazione della propria memoria evolutiva.

Il piano Divino ci ha dato la meravigliosa possibilità di consultare i Registri Akashici e di accedere, attraverso la centratura nell’Amore, ad alcune delle informazioni in essi contenute, per aiutarci nel nostro cammino evolutivo e far chiarezza nella nostra vita.

A capire quale sia il nostro scopo qui, di situazioni dalle quali non riusciamo a liberarci, di malattie, di ostacoli ecc.

L’informazione che viene data durante la canalizzazione è di puro amore e pura luce e gli Arcangeli parlano e agiscono solo per il nostro massimo bene, perchè mossi da Amore Incondizionato.

La lettura può avvenire con videochiamata su WhatsApp o semplicemente per telefono in un ambiente tranquillo per il ricevente.

Consiste nel preparare le domande che vuoi fare sulla tua vita (relazioni, lavoro, malattie…) poi insieme vediamo che siano formulate nel modo più chiaro e semplice possibile.

Ti guiderò poi in una piccola meditazione di centratura e contatto sul cuore per prepararti a vivere al meglio l’esperienza in recettività e ascolto.

Aprirò i tuoi Registri e formulerò le domande e tu potrai ricevere le risposte che saranno utili per te in questo momento della tua vita per maggior chiarezza sul da farsi e potrai metterli in pratica attuando una serie di azioni, comportamenti, prendere decisioni.

Sarà una esperienza meravigliosa di una maggiore consapevolezza di sè ed espansione di coscienza.

La durata è di circa un’ora e mezzo al costo di 55 euro

Per fissare un appuntamento chiamami al 335 5737090

Milva Alpi

esperta di benessere olistico e tecniche naturali ed energetiche, channeler col mondo della Luce e guida spirituale di Padre Pio

Libera professionista di cui alla L. n. 4/2013

Ha avuto alla nascita esperienza di premorte, miracolata da Padre Pio che ora è una delle sue guide spirituali, ha contatti con l’Arcangelo Michele, il Maestro Gesù e i Maestri Ascesi della Luce. Comunicazione telepatica ed empatica con le persone, ha costantemente esperienze spirituali di viaggi astrali nel campo quantico. Insegna meditazioni quantiche di guarigione.