LA RABBIA NEI BAMBINI: COME GESTIRLA?

a cura di Milva Alpi

esperta ventennale di benessere corpo mente emozioni

psicosomatica e guarigioni emotive

La rabbia è una delle emozioni primarie.

E’ molto importante per un genitore o un’insegnante sapere come gestire uno scatto di rabbia in un bambino.

Nei bambini questa emozione è molto frequente come tirare calci, urlare, dire NO, tirare i capelli o dare schiaffi alla mamma: tutti gesti di aggressività.

Alla base di questo comportamenti c’è una “mancanza” nei confronti del bambino da parte del genitore: non lasciarlo libero di esprimersi o muoversi, essere invadente nei suoi spazi, dire spesso dei no, non considerare i suoi bisogni, imporre troppe regole.

Le situazioni che molto spesso innescano rabbia nei figli avvengono quando si impongono loro delle regole.

I bambini hanno bisogno di tempo e di “esercizio” per metabolizzarle e farle loro.

Ad esempio quando chiediamo loro di sedersi a tavola, di lavarsi, di andare a scuola, di vestirsi.

Lo stile educativo non dovrebbe essere né privo di regole né troppo autoritario: entrambe le impostazioni favoriscono l’aggressività.

La mancanza di regole complica la vita dei figli perchè si sentono persi, senza una guida; nel secondo caso, invece, i bimbi si sentono rifiutati.

Bisogna dare poche regole, chiare, semplici da comprendere e bisogna cercare di rispettarle con fermezza spiegandogli il perché di quel comportamento e

soprattutto essere coerenti (un NO lo è sempre e un SI anche).

La rabbia è un’emozione che va contenuta: i genitori dovrebbero imparare a gestire la loro emotività e non dovrebbero andare in ansia o arrabbiarsi (anche se non è molto semplice dopo una giornata molto stressante).

Il bambino allora si ribella e scarica l’emozione attraverso questi atteggiamenti.

Da una parte è un bene altrimenti rimane somatizzata nel corpo, ma quello che si può fare è insegnargli a scaricarla in modo non aggressivo nei confronti di qualcuno, ad esempio trasformarla in gioco facendogli battere i piedi a terra o dare pugni ad un cuscino urlando come ad imitare un leone.

Un’altra soluzione potrebbe essere quella di avvertirli poco prima che avvenga il “cambio di scena”.

Anticipare che da lì a poco ci si dovrà dedicare a una nuova attività.

“ Adesso finiamo questo libro, dopodichè andiamo a lavarci le mani e ci mettiamo a tavola”.

“Ora stiamo qualche minuto sul lettone e ci facciamo le coccole, ma tra poco ci spostiamo nella tua cameretta e ci rilassiamo perchè tra poco è ora di fare la nanna”. Sinceramente la maggior parte delle volte questa strategia funziona!

Gli adulti dovrebbero essere il più prevedibili ed empatici possibili con i bambini perchè il comando improvviso potrebbe non funzionare, ma soprattutto potrebbe innescare una reazione di rabbia difficilmente gestibile.

I bimbi, infatti, sono rassicurati dalle situazioni prevedibili.

Dall’altra parte, è risolutivo invece, andare all’origine del perché di questa rabbia.

Questo è compito del genitore di stare nella presenza, nell’empatia, mettersi nei panni del bambino e cercare di capire cosa è successo prima di questo scarico emotivo.

Diventarne consapevoli porta a trasformare la situazione o l’atteggiamento con cui ci si approccia al bambino in una determinata situazione come menzionato sopra.

Trasformare il comportamento genitoriale porta alla risoluzione emotiva anche nel bambino.

a cura di Milva Alpi

esperta di benessere e operatrice olistica

elaborazione lutti e traumi emotivi

guarigioni spirituali con gli Esseri di Luce

consulenze psicologiche e Fiori di Bach

https://www.milvaalpi.com/LA MEDICINA DELL’ANIMA

ELABORAZIONE DI UN LUTTO O TRAUMA EMOTIVO

L’elaborazione di un lutto non è una decisione semplice da prendere.

È un dolore che tiene vivo il ricordo di una persona come un filo tra chi è sulla terra e chi vuole volare in cielo.

Ma è proprio quel filo che impedisce al defunto di volare in cielo: è come se il vivente volesse trattenere un palloncino.

Per il bene proprio e dei cari è necessario distaccarsi e lasciarli andare nella pace del Regno dei Cieli.

In questo periodo di Covid tante persone hanno perso i loro cari nella solitudine di un ospedale, spesso.

Questo è un trauma molto forte che rimane dentro indebolendo i polmoni, zona in cui si somatizza il lutto e l’abbandono.

A lungo andare questo dolore può provocare disturbi o malattie anche gravi.

Per la propria salute è importante e necessario fare questa elaborazione.

Anche il dolore si scioglie nell’accettazione e liberazione di entrambi.

Si diviene consapevoli che noi non siamo un corpo non siamo una mente ma siamo molto di più…

siamo un’ anima in un corpo di luce.

a cura di Milva Alpi

esperta di benessere e operatrice olistica

elaborazione lutti e traumi emotivi

guarigioni spirituali con gli Esseri di Luce

consulenze psicologiche e Fiori di Bach

https://www.milvaalpi.com/​ LA MEDICINA DELL’ANIMA

3 PUNTI PER IL TUO BENESSERE

a cura di Milva Alpi

Ti presentiamo alcuni suggerimenti per un corretto stile di vita, che ti aiuteranno a sentirti più in forma, vitale e aumentare la tua energia.

1)  CURA LA TUA ALIMENTAZIONE

 

Seguire l’alimentazione del GRUPPO SANGUIGNO è di fondamentale importanza per la tua salute alimentare.

E’ l’alimentazione sicuramente più adatta a tutti perchè si basa sul proprio gruppo sanguigno.

Si tratta di una educazione alimentare, non una dieta, è assolutamente libera, senza bisogno di pesare gli alimenti, si tratta soltanto di sostituire certi cibi che sono dannosi in base alla costituzione dell’individuo.

Si individuano gli alimenti che stimolano il metabolismo e fanno dimagrire e quelli che invece lo rallentano facendo ingrassare.

In base a queste informazioni la persona può decidere e prendersi la responsabilità della sua alimentazione.

Il potere delle proteine

Le proteine sono il nutrimento di muscoli e ossa e aiutano a prevenirne l’indebolimento, aiutano a controllare la fame e sono essenziali per la produzione di energia.

Prediligi proteine da carni bianche o pesce o meglio ancora quelle di origine vegetale come quelle della soia.

I cereali integrali

I cereali garantiscono un apporto regolare di energia, sono ricchi di magnesio, (minerale antistress), proteine, vitamine del gruppo B utili per il sistema nervoso, minerali e fibre le quali servono per tenere pulito l’intestino e lo regolarizzano.

I principali cereali sono: farro, orzo, miglio, riso, avena, kamut (il più digeribile).

Ti consiglio l’uso di questi prodotti integrali come anche pane e pasta, fette biscottate, grissini, crekers, biscotti.

Necessitiamo di circa 25 grammi di fibre al giorno.

Latticini

Contengono calcio e proteine.

Si consiglia un uso limitato favorendo quelli a basso contenuto di grassi e di origine non bovina (es. di capra, di pecora, di soia).

I grassi buoni sono fondamentali nello sviluppo e nel funzionamento del cervello.

La loro carenza influisce sulla memoria e apprendimento.

Sono altresì importanti per il buon funzionamento del cuore e dell’apparato cardiocircolatorio.

I grassi buoni li puoi trovare nella frutta secca (noci dose consigliata 3 o 4 al dì, nocciole e mandorle 7/8 al dì, pinoli), nell’avocado, nel pesce azzurro e nell’olio d’oliva extra vergine, nei semi di sesamo, di girasole, di zucca. Hanno un’azione, anti-colesterolo contengono vitamina E antinvecchiamento della pelle, e proteggono il cuore e le arterie.

I benefici di frutta e verdura

Ti consiglio 5/6 porzioni al giorno tra frutta e verdura.

Frutta lontano dai pasti.

Una porzione equivale a un pugno chiuso,

Un pomodoro medio è una porzione.

Ogni colore contiene uno specifico gruppo di vitamine e minerali,

ad esempio il rame è necessario per la produzione di melanina e per il metabolismo del ferro: la scarsità di questo minerale può portare all’anemia.

Il rame si trova nei fagioli, frutta col guscio, cereali integrali.

Frutta e verdura contengono sostanze preziose come gli antiossidanti che aiutano a proteggere l’organismo dai tumori e dall’invecchiamento precoce, e contengono le fibre che mantengono attivo l’intestino.

Legumi

Sono una buona fonte di proteine vegetali (sostituiscono la carne), e di fibre utili per “pulire” le arterie e dare energia.

Fagioli, piselli, soia rossa, fave, ceci, fagioli aduke, fagioli azuke, lenticchie.

Importanza della colazione

Durante la notte il nostro organismo si rigenera, brucia calorie (metabolismo basale), consuma circa 1 litro di acqua e al mattino necessita di molti nutrienti, e noi cosa gli diamo?

Zuccheri o pochi nutrienti.

Cattiva colazione = cattiva giornata

Il pieno dell’auto si fa prima del viaggio, non dopo!

Facciamo lo stesso col nostro corpo e ci sentiremo pieni di energia per tutta la giornata!

Una colazione bilanciata comprende proteine, carboidrati buoni, vitamine, minerali e fibre.

Esempi di una buona colazione:

  • Yogurt magro senza zucchero con frutta disidratata o muesli o corn flakes + caffè o tè verde oppure
  • Fette biscottate o gallette di riso con marmellata biologica o miele +

Caffè d’orzo o tè oppure

  • Solo frutta di un solo tipo
  • Cappuccino di soia e corn flakes

USA ZUCCHERO GREZZO DI CANNA O FRUTTOSIO.

PREFERISCI PRODOTTI INTEGRALI E FRUTTA E VERDURA BIOLOGICA.

2) BEVI TANTA ACQUA

Cosa fa l’acqua?

L’acqua rafforza il sistema immunitario.

L’acqua raccoglie le scorie tossiche dalle diverse parti del corpo e le trasporta al fegato e ai reni, affinchè siano espulse.

L’acqua è il principale lubrificante delle giunture e aiuta ad evitare artriti, artosi e dolori alla schiena.

L’acqua diminuisce il rischio di infarto e ictus perché impedisce la chiusura delle arterie nel cuore e nel cervello.

L’acqua è il miglior lassativo e impedisce la stitichezza.

L’acqua rende la pelle liscia e idratata e ritarda l’invecchiamento.

L’acqua pura è il miglior rigenerante cellulare di ogni altra bevanda.

La mancanza d’acqua impedisce la formazione degli ormoni sessuali, uno dei motivi principali dell’impotenza e perdita della libido.

Bere tanta acqua è il miglior metodo per aiutare il processo di dimagrimento.

L’acqua serve a pulire il sangue e i reni soprattutto se si fa uso di farmaci.

SIAMO UNA MACCHINA CHE VA AD ACQUA

NON A BENZINA!

Il nostro corpo non può immagazzinare l’acqua,

perciò dobbiamo bere regolarmente durante tutto il giorno.

Quanta acqua dobbiamo bere?

Fai questo calcolo per capire qual è la tua dose giornaliera di acqua:

Moltiplica il tua peso per 3 e dividi per 100.

Es. 50 kg di peso x 3 = 150 : 100 = 1,5

Quindi la necessità giornaliera di una persona che pesa 50 kg è di lt. 1,5.

Dopo i 60 anni circa lo stimolo della sete diminuisce, quindi bisogna sforzarsi un po’.

Suggerimenti

La quantità di acqua giornalmente consigliata è circa 1,5 – 2 litri.

Sono circa 8 bicchieri al giorno, 1 all’ora.

IMPORTANTE BERE UN BICCHIERE D’ACQUA AL MATTINO A DIGIUNO perché pulisce l’organismo dalle tossine accumulate durante la notte.

Se non hai lo stimolo della sete, inizia a bere gradualmente, altrimenti potresti nausearti.

Ogni settimana bevi un bicchiere di più al giorno della settimana precedente.

Eventualmente prova ad aggiungere un po’ di limone per renderla più gradevole.

Importante: acquista acque a basso residuo fisso sono più leggere e facili da smaltire dai reni.

Consigliato un residuo fisso a 180° da 20 mg/lt a 50 mg/lt

E un pH inferiore a 7 (acqua Norda, Plose, S.Anna)

Questo perché:

i sali minerali contenuti nell’acqua non sono assorbiti dall’organismo e quindi devono essere smaltiti dal fegato e dai reni: più l’acqua è leggera, meno i reni devono faticare (soprattutto per le persone con calcoli).

Preferisci anche tisane e soprattutto tè verde ottimo antiossidante e antitumorale, antinvecchiamento e stimolante delle difese immunitarie.

3) FAI ESERCIZIO FISICO: IL CORPO E’ NATO PER STARE IN MOVIMENTO

Perché è importante l’esercizio fisico?

I benefici dell’attività fisica sono numerosi:

Aiuta a rafforzare il cuore

Aumenta l’energia

Riduce lo stress

Scarica le tensioni

Favorisce la perdita di peso

Migliora la circolazione e la pressione arteriosa

Diminuisce il livello di colesterolo

Aiuta il buon mantenimento dell’apparato muscolare

Migliora la salute mentale

Favorisce l’eliminazione delle tossine e quindi previene l’invecchiamento

Consigli

Fai 30 minuti di moderata attività fisica almeno 3 volte a settimana.

Cammina velocemente.

Parcheggia un po’ lontano dal posto di lavoro e percorri un pezzo di strada a piedi.

Svolgi lavori manuali quali il giardinaggio, pulizie della casa, lavare l’auto.

Usa le scale e non l’ascensore.

Se hai particolari patologie consulta il tuo medico prima di iniziare un programma di attività fisica in palestra.

Fai una costante “manutenzione” del tuo corpo dedicando periodicamente un po’ di tempo al tuo benessere personale con un massaggio rilassante, energetico o disintossicante.

LA SALUTE DEL CORPO E’ ANCHE SALUTE DELLA MENTE.

Adesso che conosci i 3 punti per aumentare il tuo benessere inizia a metterne in pratica almeno alcuni e quando ti sentirai meglio metti in pratica gli altri.

Inizia con calma, senza fretta con i tuoi ritmi.

Buona salute a tutti

La tua salute dipende da Te.

Vuoi perdere peso e non ci riesci?

Vuoi semplicemente prenderti cura di te e iniziare una sana e corretta alimentazione?

Richiedi una consulenza sull’alimentazione personalizzata per te in base al tuo gruppo sanguigno.

tel. 335 5737090

Milva Alpi

esperta ventennale di benessere olistico corpo mente emozioni spirito

EMOZIONI E DISTURBI FISICI SECONDO LA MEDICINA CINESE.

Per avere una maggiore consapevolezza del perché dei disturbi fisici e delle emozioni che si somatizzano nel corpo, ve lo spiego secondo la Medicina Tradizionale Cinese della quale mi avvalgo.

Innanzi tutto voglio spiegare cosa sono le emozioni.

Esse sono il modo in cui esprimiamo una reazione ad uno stimolo esterno che può essere visivo, uditivo o corporeo di una situazione o di una persona con la quale si interagisce.

E’ un’energia che si crea attraverso il cervello che riceve lo stimolo (reazione) e che deve essere trasformata e scaricata, può essere elaborata in due modi:

1) si reagisce e c’è lo scarico emozionale es. rabbia = scatto o urlo

2) non si reagisce e non c’è scarico ma l’emozione e l’energia creata viene trattenuta all’interno del corpo fermandosi in un organo cui corrisponde quel tipo di emozione.

Mi spiego meglio.

Le emozioni negative principali sono 5:

rabbia, preoccupazione, tristezza, dolore, paura.

Ciascuna di queste, secondo la medicina tradizionale cinese, corrisponde a un apparato e a un organo del corpo.

Vediamo di analizzarne una per una.

LA RABBIA

E’ quell’aspetto emotivo dell’aggressività per la mancanza di rispetto e di amore;

mancanza di rispetto nel lavoro, nella relazione affettiva, nelle amicizie.

Nasce sempre da una mancanza di rispetto verso sé stessi, per non rispettarsi abbastanza nei propri bisogni, spazi o libertà di esprimersi.

La rabbia è nostra, parte sempre da noi che scarichiamo sugli altri, che non ne hanno colpa, la reazione che avviene quando siamo “pieni” di una determinata situazione.

Gli altri sono solo la nostra valvola di sfogo e ci fanno vedere cosa non sta andando bene in noi.

Permette di ribellarci quando qualcosa non ci va, ci fa dire BASTA!

NON MI VA PIU’ BENE! E’ QUELLA CHE TI FA BATTERE IL PUGNO SUL TAVOLO.

È una emozione che nasce da una frustrazione: tramite la rabbia noi ci ribelliamo, ci difendiamo e ci facciamo rispettare e questa è la reazione positiva di scarico.

Da non confondere con la violenza che nasce da molta molta rabbia e aggressività trattenuta.

La manifestazione della rabbia è coadiuvata da una mimica facciale particolare: aggrottiamo la fronte, le sopracciglia e serriamo i denti.

L’organismo assume una postura che gli permette di entrare in azione da un momento all’altro e si manifestano delle variazioni fisiologiche come aumento del battito cardiaco, aumento dell’afflusso del sangue nella periferia del corpo, maggiore tensione muscolare e iper sudorazione, irritabilità, calore che sale al cervello.

Tutto questo ci da come informazione che il corpo è pronto per difendersi dall’ostilità.

Un accumulo di tensione può causare sintomi fisici importanti oltre che malessere psicologico quindi riconoscere, esprimere e gestire la rabbia diventa fondamentale per il nostro benessere.

Ciò che possiamo sicuramente controllare è il modo in cui reagiamo a un evento.

Come imparare a riconoscere i sintomi della tua rabbia?

La prima cosa da fare è imparare a capire quando la rabbia sta per prendere il controllo di te stesso: ricorda che è fondamentale riprendere le redini del tuo controllo prima che arrivi, questa parte, a gestire te.

Tra i segnali più comuni troviamo: mancanza di controllo delle emozioni, sensazione di essere impaziente e di essere irritato dalle persone.

Saper riconoscere questi segnali permette di controllare la situazione quindi:

ascolta il tuo corpo e ascolta ciò che ti sta dicendo!

Corrisponde all’apparato muscolare e tendineo (dolori muscolari = rabbia trattenuta)

Quando stiamo male in una situazione, ci vorremmo ribellare ma non lo facciamo, tratteniamo nell’organismo questa energia che va ad accumularsi negli organi:

fegato e vescica biliare (cistifellea).

Esprimere la rabbia lo si fa attraverso il movimento (buttare a terra qualcosa, andarsene dalla situazione) o con l’urlo (alzare la voce),

ma questo è il modo negativo che va trasformato, diversamente rimane intrappolata negli organi suddetti con sintomi e malattie fisiche:

dolori muscolari e tendinei, calcoli al fegato o vescica biliare, cellulite, tutte le infiammazioni che finiscono in ITE (congiuntivite, cistite, polmonite ecc.),

grassi in circolo per ipofunzionalità della bile, cisti, miopia, crampi muscolari, dolori alle spalle, insonnia dalle 23 alle 3 di notte, piedi dolenti, epatite.

COME GESTIRLA?

Rilassati

Quando la rabbia sembra prendere il controllo di te è molto importante fermarsi e mettere all’opera le abilità di rilassamento come la meditazione o la respirazione profonda che permettono di sospendere il pensiero permettendo di recuperare la lucidità senza essere sopraffatto dalla reazione eccessiva favorendo l’eliminazione delle tossine emozionali dal corpo.

Ci si sentirà molto più calmi, centrati e lucidi per capire e affrontare con calma la situazione.

Pratica sport

Come possiamo sfogare la rabbia e svuotare la mente dopo esserci caricati negativamente? Lo sport potrebbe essere un’ottima soluzione, una corsa o una semplice camminata, infatti, producono endorfine e ti aiuteranno a ristabilire un equilibrio corporeo e mentale.

Occorre arrivare alla consapevolezza dell’origine di questa emozione che porta alla guarigione e alla trasformazione della rabbia stessa.

Si neutralizza con il RISPETTO E L’AMORE VERSO SE’ STESSI.

di Milva Alpi

esperta di benessere olistico e psicosomatica

guarigione traumi emotivi e lutti

guaritrice spirituale

www.milvaalpi.com/la medicina dell’anima

Libera professionista di cui alla L. n. 4/2013

ESERCIZIO DELLA MENTE

Potrebbe essere un'immagine raffigurante albero

In questo periodo in cui tanti si sentono provati psicologicamente, un esercizio molto efficace è spostare il focus mentale ed emotivo al piacere.

Chiudi gli occhi e immagina il lavoro perfetto che vorresti, la vita che vorresti,

quello che ti piacerebbe fare…viaggiare, avere tempo libero, avere sane amicizie, avere un corpo in salute ecc.

e cerca foto, scrivi una lista dei desideri…dai sfogo alla tua fantasia e alla tua creatività interiore,

crea mentalmente quella magia come facevi da bambina.

Ti sentirai subito meglio nel creare il tuo mondo fantastico,

ma ricorda…IL PENSIERO CREA E ATTIRA CIO’ CHE PENSI…

pensieri positivi, situazioni positive, intuizioni, idee…

Perchè non provare? Scrivi come ti senti.

da ❤ a ❤ Milva

esperta di benessere olistico e terapie naturali

guarigione traumi emotivi

insegnante meditazioni quantiche

Libera professionista di cui alla L. n. 4/2013

LA MEDICINA DELL’ANIMA www.milvaalpi.com/

CONOSCI LA TUA GUIDA SPIRITUALE

Siamo fatti di un corpo, di una mente e di uno spirito che ha sede nel cuore dove puoi incontrare la tua anima, quella parte più vera, più saggia, dove puoi chiedere e trovare tutte le risposte che cerchi, è quella parte che non mente mai, che vuole solo il tuo bene.

Bisogna imparare ad ascoltarla!

In questo spazio sacro del cuore puoi entrare in contatto con la tua guida spirituale che ti fa entrare in un’altra dimensione, quella dello spirito e del “sentire” la tua parte più profonda: la tua anima.

In questo spazio ti puoi sentire protetta, al sicuro e dove puoi rifugiarti nei momenti bui per ricevere conforto, aiuto, risposte, sicurezza dalla tua guida del mondo della luce e dove hai la possibilità di parlarci e ricevere messaggi attraverso le intuizioni, i sogni, le idee che arriveranno alla tua consapevolezza.

E’ come avere un amico invisibile nella 3 dimensione, ma visibile nella mente.

Imparare a contattarla ti apre infinite porte e possibilità che la tua mente limitata tante volte non trova.

Ora le nostre guide ci stanno chiamando ad avere, sempre più frequentemente e sempre più persone, contatti con loro per guidarci nelle scelte e nel percorso terreno della nostra vita per la migliore realizzazione di ciascun essere umano e animico.

E’ questo il cambiamento, il nuovo paradigma che dobbiamo risvegliare e a cui siamo chiamati in questi tempi.

I benefici sono assicurati:

RITROVERAI UNA NUOVA TE!

La connessione avverrà con una visualizzazione guidata in videochiamata o telefonica previo appuntamento direttamente a casa tua in un ambiente tranquillo.

Se senti vibrare qualcosa dentro di te leggendo questo articolo, sei pronta!

di Milva Alpi

esperta di benessere olistico, guarigione traumi emotivi, channeler medianica e sensitiva.

Operatrice Olistica e scrittrice

Ha avuto alla nascita esperienza di premorte, miracolata da Padre Pio che ora è una delle sue guide spirituali, ha contatti con l’Arcangelo Michele, il Maestro Gesù e i Maestri Ascesi della Luce.

Comunicazione telepatica ed empatica con le persone, ha costantemente esperienze spirituali di viaggi astrali nel campo quantico.

Insegna meditazioni quantiche di guarigione.

Da oltre 30 anni aiuta le persone nella guarigione fisica, emotiva e spirituale.

Esperta in psicosomatica e guarigione traumi emotivi.

consulenze individuali on line su appuntamento

tel. 335 5737090 info@milvaalpi.com

ISCRIVITI al mio canale yutube: https://www.youtube.com/results?

Iscriviti al gruppo privato su fb: VERSO L’AMORE E LA LUCE

RIDURRE LO STRESS PER AUMENTARE L’ENERGIA

Lo stress è il male di questo secolo.

Ci sono persone che sotto stress rendono di più.

In realtà si sono adattate come a un sasso nella scarpa che non puoi tirare fuori, ogni cellula reagisce negativamente allo stress e quando ti dedichi a ridurlo, ogni cellula ti ringrazia con un aumento di energia e di benessere.

Bisogna vivere con il minor stress possibile.

Lo stress di oggigiorno è più forte che mai, prodotto dal ritmo veloce della vita e dalle richieste al lavoro e in famiglia.

Quando ti senti sotto pressione il tuo livello di stress è troppo alto e il tuo corpo risponde allo stress anche in situazioni che non ti riguardano direttamente.

Lo stress insieme all’infiammazione è la causa principale di squilibri e delle malattie di cui la gente non si accorge,

un livello di stress cronico non è identificabile ed è subdolo.

Anche il traffico ci stressa senza sapere il danno che ci provoca.

Avere troppi impegni provoca uno stress eccessivo.

Le paure generano una situazione di stress molto grave.

Dormire poco o male influisce sullo stress cronico.

Bisogna trovare durante la giornata momenti di rilassamento da riequilibrare allo stress che abbiamo avuto.

Ad esempio, se avete avuto una giornata stressante al lavoro, prima di tornare a casa, ritagliatevi una mezz’ora o un ora e andate a fare una passeggiata, respirate immaginando di espirare tutte le tossine fisiche e mentali e le tensioni accumulate nel corpo.

Questo vi provocherà uno stacco dal lavoro, una ossigenazione, un rilassamento per rientrare a casa calmi e tranquilli, felici di incontrare la vostra famiglia.

I sintomi dello stress sono dapprima mentali e comportamentali: impazienza, ansia, irritabilità, malumore e preoccupazione, troppi pensieri, perdita di gioia di vivere.

Sintomi fisici: fatica, svogliatezza, mancanza di sonno, sonno agitato, mal di testa, piccoli dolori e malessere generale.

Tutti questi sintomi vuotano il corpo di energia e contribuiscono all’invecchiamento e alla malattia.

Abbiamo imparato a convivere con questi sintomi ma nel tempo possono trasformarsi in un malessere più profondo per esempio: ipertensione, tachicardia, disturbi di cuore, gastrite, stitichezza e forse, perfino il cancro.

Lo stress indebolisce il sistema immunitario, si è pertanto maggiormente esposti alle malattie,

aumenta la produzione di cortisolo (detto ormone dello stress) che provoca ritenzione idrica indebolendo i reni (mal di schiena nella zona lombare), stimolando una eccessiva produzione di radicali liberi responsabili di infiammazioni e invecchiamento e accumulo di zuccheri con conseguente aumento di peso.

Quasi tutte le attività moderne contengono una parte di stress.

Come difendersi da questo nemico invisibile?

Per riconoscere lo stress cronico devi riconoscere da dove viene e compiere quei passi per ridurre gli agenti stressori e gli stimoli negativi che ricevi da fuori.

Se una situazione ti toglie energia, vuol dire che sei stressato e hai bisogno di riposo.

Il sonno e il riposo ricaricano i reni che sono le “batterie” dell’organismo e ristabiliscono i livelli di energia.

E’ anche importante esaminare se tu stai creando stress per gli altri o per te stesso:

essere troppo perfezionista o disciplinato o fanatico in modo eccessivo crea stress.

Bisogna imparare a lasciare andare e a non dare peso a tante situazioni quotidiane, o a discorsi o atteggiamenti degli altri: un bel “chissenefrega” è una parola da inserire nel proprio vocabolario per imparare ad essere distaccati e a non mettersi troppo a cuore le cose.

Prendersi maggiormente cura di sé adottando uno stile di vita sano (alimentazione equilibrata e leggera, attività fisica, bere molta acqua).

Meditare in cui la mente trova il proprio livello di silenziosa tranquillità a prova di stress, la mente e i pensieri si calmano, si è più centrati e concentrati su sé stessi, sul perché delle cose, sui propri bisogni e sulle proprie azioni ed emozioni e su una maggiore consapevolezza.

Con il tempo questa calma è centratura dentro di sè viene trasmessa nella tua quotidianità e si cambia il focus.

La sfida è il cambiamento.

Il modo per ridurre lo stress è nella tua stessa consapevolezza e attenzione ai segnali del corpo.

Non avere paura di chiedere aiuto ad un esperto quando, in particolari momenti della vita, non si hanno le risorse per far fronte alla situazione di diffcoltà.

Frase appropriata: INTENDO RIDURRE TUTTE LE PRESSIONI INUTILI NELLA MIA VITA.

di Milva Alpi

esperta di benessere olistico, psicosomatica e terapie naturali.

Libera professionista di cui alla legge n. 4/2013