IL CAMBIAMENTO: COME FARE?

Siamo nel passaggio al Nuovo Mondo, di cui ora tanto si parla.

Perché avvenga questo passaggio occorre un cambiamento, in noi prima di tutto, che poi si riflette anche fuori di noi, con i nostri comportamenti e azioni modificati.

Si fa presto a dire, ma come possiamo fare questi cambiamenti, direte voi?

E’ tutto molto semplice.

Con azioni, comportamenti e parole quotidiane positive e di alta vibrazione.

Sostituiamo parole o atteggiamenti aggressivi, di giudizio, di paura, di sfiducia, con parole quali:

ti capisco,

ti ascolto,

ti posso aiutare?,

di chiedo perdono per ciò che ti ho detto o fatto,

ti voglio bene,

ti chiedo scusa,

ti amo,

sono fiducioso che vada tutto bene,

so che ho scelto o fatto la cosa più giusta per me”.

Impariamo ad essere consapevoli che ora, ciò che accade nella nostra vita, è per il nostro bene, anche cose spiacevoli. E’ una lezione di vita.

Invece di demoralizzarsi, fermarsi un attimo, e chiedersi:

che cosa mi insegna questo avvenimento?

cosa devo imparare da ciò che mi sta succedendo?

Dobbiamo imparare a vedere sempre il bicchiere mezzo pieno, e a prendere coscienza del fatto che, o dobbiamo fermarci, o dobbiamo riflettere per fare un cambiamento, o di ascoltarci, se siamo in armonia e sintonia con la nostra vita e le persone che ci stanno intorno.

Il cambiamento non necessariamente può comportare un allontanamento da una persona o da un lavoro, o da una situazione, ma è un cambio nostro di prospettiva e di percezione nei confronti di quella cosa o persona.

Provate a mettervi nei panni di una persona che vi infastidisce o con la quale avete un conflitto, e chiedetevi: “se io fossi in lui, come mi comporterei?”

Sappiate che ognuno di noi ha la sua storia e il suo passato che lo fa reagire in un determinato modo”.

Prendiamo coscienza di questo e sicuramente anche la nostra visione cambierà. Provare per credere!

Da cuore a cuore

Milva

335 3737090       info@milvaalpi.com        www.milvaalpi.com
Libera professionista di cui alla Legge n. 4/2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *